Informativa
Il nostro sito web utilizza cookies, anche di terzi, per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni o per modificare le tue preferenze sui cookies di terzi accedi alla nostra Cookie Policy.


Igiene & Salute
  
Come migliorare l'aspetto della pelle

Per avere una pelle bella e luminosa non basta utilizzare creme e detergenti di buona qualità, la vera depurazione inizia da dentro.
È importante fare attenzione alla nostra alimentazione se vogliamo apparire riposati, giovani e preparare la cute al sole  estivo evitando spiacevoli scottature.
Ricordo che l’esposizione al sole per almeno 20 minuti attiva la vitamina D che, oltre ad aiutare l’apparato scheletrico, è un’importante alleata del sistema immunitario. Per questi motivi è buona abitudine esporsi al sole primaverile che, oltretutto, non è aggressivo come quello estivo. Ecco quindi cosa non deve mancare in tavola per prenderci cura della nostra pelle:

Antiossidanti che conservano le cellule giovani. Si trovano ad esempio nei cavoli, broccoli, pomodori, mele, pere, fragole, melone, albicocche, uva, che è sempre bene consumare crudi

Bioflavonoidi che rallentano la degenerazione dei tessuti. Li trovi nella soia, nei fagioli, nei cavolini di Bruxelles e nelle olive

Acqua e tisane che idratano i tessuti

Fibre che favoriscono il funzionamento dell’intestino e “ripuliscono” l’organismo, evitando l’accumulo di tossine. Le trovi nel pane integrale, nei legumi, nei cereali

Alimenti ricchi di vitamina E, un potente antiossidante che aiuta a combattere i radicali liberi causa dell’invecchiamento cutaneo. La troviamo soprattutto nella frutta secca, in particolare nelle mandorle

Alimenti ricchi di vitamina A che aiutano a proteggere la pelle. È più presente nei vegetali di colore rosso-arancio, come carote, peperoni, pomodori.

Infine un buon riposo notturno per mantenere il naturale potere depurativo del corpo che si attiva durante la fase del sonno.

Dott.ssa Elisa Bernardi - Biologa Nutrizionista

Per conservare l'articolo scarica il pdf qui a fianco

Se hai domande da porre alla nostra biologa nutrizionista scrivici

   Il gusto della vita