Informativa
Il nostro sito web utilizza cookies, anche di terzi, per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni o per modificare le tue preferenze sui cookies di terzi accedi alla nostra Cookie Policy.


Igiene & Salute
  
Tempo di polenta!
La polenta è un piatto diffuso soprattutto nelle nostre regioni ma utilizzata in tutta la penisola e anche all’estero.

Oggi la conosciamo soprattutto come una preparazione a base di farina di mais gialla, ma esistono anche delle varietà di polenta a base di farina di mais bianca oppure a base di farina di grano saraceno.

Sappiamo tutti come si prepara, ovvero cuocendo a lungo acqua e farina. Per gustare una buona polenta preparata in modo tradizionale il consiglio è quello di scegliere una farina per polenta a lunga cottura; servirà un po’ di tempo e pazienza ma il gusto del piatto ottenuto ripagherà dell’impegno.

Essa non contiene solo carboidrati ma anche proteine e diversi sali minerali, in particolare fosforo, potassio, manganese, selenio e ferro. La polenta è anche una fonte di vitamine, soprattutto di vitamina A, E e vitamine del gruppo B.

La polenta a base di farina di mais o di grano saraceno è senza glutine, quindi utilizzabile dai soggetti celiaci o sensibili al glutine. 

Il momento della giornata migliore per consumarla è a pranzo insieme a delle proteine (legumi, carne, pesce o uova) accompagnati da una buona porzione di verdure. È sconsigliato l’utilizzo alla sera (anche se la nostra tradizione la vorrebbe) perché composta prevalentemente da carboidrati che non conciliano il sonno e forniscono al corpo energia ormai non più necessaria.


Dott.ssa Elisa Bernardi - Biologa Nutrizionista

Per conservare l'articolo scarica il pdf qui a fianco

Se hai domande da porre alla nostra biologa nutrizionista scrivici

   Il gusto della vita